aztechi messico la conquista Hernàn Cortès
indietroindiceciviltà delle origini

 


Le lacche di Olinalá, Messico.

INDICE ARTE

arte popolare
grafica dell'antico Messico
origini arte messicana
arte maya
siti maya

aztechi

presagi aztechi
arte huichol
muralisti
diego rivera
frida kahlo
josè clemente orozco
david alvaro siqueiros
simon silva
josè chavez-morado
maximino javier
lucìa maya
leonora carrington

 

 
Web www.mexicoart.it

Aztechi

Sacrifici umani | Le divinità azteche | presagi aztechi | Las Casas denuncia i massacri | Cortès visita Tlatelolco | Cronologia degli aztechi


Pastori nomadi giunti per ultimi nel Messico centrale (1325 d.C.), gli Aztechi lo conquistarono in breve, riunendolo in un grande impero con capitale a Tenochtitlán (attuale Città del Messico).


Click to enlarge

Ricostruzione del centro cerimoniale di Tenochtitlàn

La loro arte dipende ampiamente da quella tolteca, da cui appresero la tecnica costruttiva e i tipi architettonici , l'arte della tessitura e dell' oreficeria, in cui eccelsero, e della scultura, cui diedero un tono più severo e monumentale.

I centri principali, oltre alla capitale, Tenochtitlàn, furono Xochicalco, Calixtahuaca, Xampala, Tula, Malinalco)


"La città è grandissima e così straordinaria che, nonostante le molte cose che potrei dire, le poche che racconterò risulteranno incredibili. E' assai più estesa di Granada, meglio fortificata, ha stupendi edifici e più abitanti di quanti ne avesse quella città quando fu riconquistata"

Hernàn Cortès
La conquista del Messico

Cronache del tempo:
Cortès visita il grande mercato di Tlatelolco
(di Bernal Dìaz del Castillo)

L'antica Tenochtitlàn

Conoscevano le tecniche di lavorazione dei metalli (oro, argento,stagno, rame), ma ignoravano l’uso del ferro.
Click to enlarge


Maschera in oro del dio Xipe Totec, tra i rari pezzi d'oro sfuggiti agli spagnoli


Pettorale in oro massiccio

Pettorale in oro di Xipe Totec

Galleria fotografica

click to enlarge
Calendario azteco

 


Cronologia degli aztechi

Alla fine del XII sec...

L'unità culturale costituitasi a Teotihuacán intorno ai Toltechi si disgregò in seguito all'invasione dei Chichimechi. Emerse la bellicosa tribù dei Mexica, che si diceva venuta dall'Aztlán, regione del Messico nordoccidentale (il Michoacán attuale). Rifugiatasi in seguito sulle isole del lago di Texcoco, la tribù dei Mexica vi fondò Tenochtitlán (1325).


La GrandeTechnotitlàn, murales di Rivera


Cortès incontra Montezuma

Montezuma II (1503-1520) e l'invasione spagnola.

Il 10 febbraio 1519 Hernàn Cortès sbarca nello Yucatan, accompagnato da un pugno di soldati. Per gli aztechi l'anno 1519 della nostra era coincide con una ricorrenza molto importante del loro calendario rituale: il ritorno del dio Quetzalcòatl, atteso ogni cinquantadue anni. Quegli esseri strani, barbuti, vestiti di ferro e dalla pelle bianca, che arrivano da oriente, cioè il paese misterioso verso cui il Serpente Piumato è partito, in un passato leggendario, quegli uomini che lanciano il fulmine e possiedono cavalli, animali mai visti in Messico, non sono forse gli dèi?
Partiti da Veracruz, i conquistadores si diressero verso l'altopiano
e furono accolti favorevolmente dagli abitanti di Tlaxcala, in quel periodo in guerra con i Mexica. Gli spagnoli, guidati da Cortés, dopo varie vicende s'impadronirono di Tenochtitlán e catturarono Montezuma II, che morì in prigionia, mentre il fratello e il nipote del re, Cuitlahúac e Cuauhtèmoc furono a loro volta imprigionati e in seguito impiccati dagli spagnoli nel 1525.



C
ortés
narrerà in cinque lettere

indirizzate al re di Spagna, i dettagli della conquista e in particolare le caratteristiche dell'organizzazione sociale e politica dei Mexica:gli Aztechi-Mexica avevano un'organizzazione politica democratica; le famiglie erano divise in clan patrilineari o calpulli. Tenochtitlán contava venti clan riuniti in quattro fratrie, occupanti ognuna un quartiere della città. Ogni clan inviava un delegato al consiglio supremo. Ottimi organizzatori, non annullarono l'individualità dei popoli sottomessi limitandosi a imporre tributi.



Impero azteco


Giardini galleggianti

I Mexica, abili agricoltori
Conoscevano il maggese, praticavano l'irrigazione, costruivano giardini galleggianti e, periodicamente, ripartivano le terre. Coltivavano mais, fagioli, meloni, vaniglia, peperoni, pomodori, cotone, cacao; l'agave, di cui facevano fermentare la linfa, e il tabacco, che veniva fumato durante le cerimonie religiose.
L'allevamento del bestiame era limitato a una particolare razza di cani destinati al consumo, ed ai tacchini.


Pomodori e vari tipi di chili (peperoncini)


I sacrifici umani

Le divinità azteche

presagi aztechi

strane ipotesi

Las Casas denuncia i massacri

Cortès visita Tlatelolco

Cronologia degli aztechi

indietroindicearte huichol