indietroindice
Huichol musica messico peyote huichole sciamani
CD introvabile, per appassionati ricercatori:
"HUICHOL TRADITIONAL SACRED MUSIC"
(canti per la
festa del peyote, Hikuri Neirra, la festa di Tatei Neirra, la festa de La Pachitas, etc.) informazioni
Il tepo (tamburo), il fuoco serve a tendere la pelle

La musica degli Huicholes

I Huicholes suonano quattro strumenti: il violino, la chitarra, il tepo (tamburo) e la sonaja (fabbricata col frutto del tecomate). Due strumenti a corda e due a percussione. La chitarra ed il violino sono suonati durante tutte le cerimonie e i riti. Il tamburo è suonato soltanto nella festa di Tatei Neirra e nella festa de las Pachitas (Narriwiyarik).I Huicholes, come altri popoli della valle del Messico, credono che il suono del tamburo sia la voce di Dio. La sonaja si usa durante la festa del Tatei Neirra, i bambini la suonano tutto il giorno. I Uainarori sono otto danzatori che si mostrano durante la settimana santa e nella festa del "cambio del governo", anche loro suonano le sonajas.
A questi quattro strumenti si possono aggiungere il flauto ed il corno. Il flauto non è utilizzato in alcuna cerimonia. È suonato soltanto per piacere. Il corno è suonato nella festa di Hikuri Neirra (festa del Peyote), inoltre è utilizzato nei rituali che precedono la partenza dei cercatori del peyote per Real de Catorce. I cercatori del peyote suonano i loro corni all'unisono per annunciare il loro avvicinarsi ai luoghi sacri in cui vivono gli dei. Coloro che non possiedono un corno con le loro mani formano una cavità e soffiandoci attraverso producono un suono simile alla tromba. Il fragore dei corni è impressionante.
Ci sono sempre due musicisti per ogni festa, uno che suona la chitarra ed uno il violino. I musicisti suonano per ore e ore e smettono solo quando la festa finisce. Ogni festa ha la sua particolare musica. C'è una musica per il sacrificio degli animali, un'altra per il ballo del Uinanori; la musica suonata durante il pellegrinaggio del peyote è differente a quella della settimana santa. Ogni festa ha la relativa propria musica anche se i nostri orecchi di occidentali possono distinguere soltanto una variazione di una o due note. La musica Huichol è pentatonica; usa raramente una scala di più di cinque note. Ciò la limita e la fa apparire ripetitiva e vertiginosa. Perlopiù la musica Huichol è altamente evocativa e ricorda i suoni mistici orientali.
Gli strumenti che sono veramente Huichol sono quelli a percussione. Gli strumenti a corda, il violino e la chitarra, sono stati ispirati dagli strumenti europei portati dagli spagnoli. I Huicholes fabbricano i propri strumenti (comprano in ogni modo le corde per i violini e le chitarre). La sonaja è fatta dal frutto dell'albero del tecomate, tagliato a metà e rincollato insieme dopo aver rimosso i semi ed inseriti i ciottoli che producono il suono. Le due parti sono unite con gomma vegetale o con cera. Il tamburo è fatto con un lungo tronco cavo che poggia verticalmente su tre parti. La parte superiore è solitamente ricoperta di pelle di cervo e vi sono uno o due fori laterali per permettere il passaggio dell'aria.
La musica è una parte essenziale di tutte le cerimonie. Una cerimonia senza musica sarebbe fortemente aborrita. La musica accomuna e anima, stimola il flusso dell'immaginazione, alleggerisce il cuore e ci unisce allo spirito degli dei. La musica è una ossessione permanente, è una costante e una preghiera di fede, è un pianto a cui gli dei non possono resistere. Gli dei stessi amano la musica e la ascoltano attentamente.

Vai a HUICHOLES: INDICE ARTICOLI

indietroindice