Xilitla San Luis di Potosì Sierra Huasteca Potosina Messico
 
Web www.mexicoart.it
indietroindicegalleria 2

Xilitla, Edward James e Plutarco

Xilitla, stato di San Luis di Potosì, Sierra Huasteca Potosina, Messico

Sir Edward James arrivò a Xilitla nel '45. Ricco ed eccentrico, frequenta artisti di grande talento, pittori, scultori e musicisti. Misconosciuto padre del surrealismo ed amico di Salvador Dalì.


 La sua opera, durata una vita, è Las Pozas, nel folto della foresta. Innumerevoli costruzioni surreali si confondono con la straripante foresta tropicale, un vero giardino delle meraviglie.  

 
Insieme all'inseparabile Plutarco Gastelum ed altri artisti locali lavorò vent' anni al suo progetto. Alla sua morte lascia Las Pozas a Plutarco. Attualmente la parte abitabile è stata trasformata in albergo.
 

 

 

Il fascino che emana da questo luogo è incredibile. Nelle descrizioni dei visitatori le parole "strano" e "incantato" sono ricorrenti.
Le visite sono aperte al pubblico.

 

Pino Cacucci, grande conoscitore di "cose messicane", racconta Edward James

Edward James si definiva "anarchico ma fedele alla corona britannica", era amico - e mecenate nei tempi degli esordi - di Picasso, Dalí, dei più celebri surrealisti e dei più estremi dadaisti, frequentava Bunuel, Brecht e Huxley, dirigeva la leggendaria rivista "Minotaure", spendeva una fortuna per acquistare un bombardiere da donare alla repubblica spagnola nel '36... Poi, nel 1945, venne in Messico. E un giorno, in un luogo sperduto, nuotando in un torrente detto "delle sette pozze", rimase avvolto da uno sciame di farfalle. Lo interpretò come un segno del destino. Sarebbe rimasto lì, a Xilitla, oasi di giungla nel desertico San Luis Potosí, la verde Huasteca Potosina, inseguendo il sogno di costruire quella che altri avrebbero chiamato "La Casa Infinita". Per quarantanni ha diretto un esercito di muratori nella creazione di un delirio in cemento variopinto cercando l'armonia con la natura, mantenendo fede all'impegno di non tagliare un solo ramo e non recidere neppure un fiore. Archi orientali ricoperti di muschio, colonne rigonfie percorse da vertiginose scale a chiocciola che portano immancabilmente nel vuoto, gabbie aperte per animali che possono entrare e uscire a loro piacimento... come il puma che non è più tornato da quando l'inglés ha cessato di preparargli il pasto quotidiano, o l'anaconda che dopo tanti anni si comportava corme una gatta affezionata. E le voliere senza reti sovrastano la piccola dimora, unico luogo chiuso da tetto e pareti dove visse per anni in assoluta solitudine, progettando sogni mutilati da lui stesso: perché la frenesia di realizzarne di nuovi lasciava incompiuta oqni opera. Che probabilmente doveva essere così: incompiuta perché interminabile, infinita. Si è venduto tutto, compresi i dipinti più amati: Dalì, Picasso, Magritte... Molti di loro lo avevano immortalato in quadri oggi così famosi che nessuno si chiede quale sia il volto di Edward James. Il destino, che lo portò quaggiù, gli ha giocato uno scherzo crudele: è morto nel 1984 in Inghilterra, lontano dalla sua Xilitla, durante uno dei rari e fugaci viaggi, per vendere l'ultima tela di quella che fu una collezione invidiata nel mondo intero. Veleva pagare i muratori e continuare a sognare.
Tutto questo appartiene a un contadino indio, Plutarco Gastelum, che Edward conobbe quel giorno facendo il bagno nel torrente delle farfalle, e da allora rimasero amici per sempre, tanto da nominarlo unico erede. Erede del nulla architettonico proiettato nella giungla, mausoleo di fantasmi che si può solo attraversare e mai "vedere": non c'è punto da cui sia possibile ammirare le costruzioni da lontano, e capire dove sia l'inizio e la fine.

Pino Cacucci


tratto da: "Gracias México",
Mostra fotografica di Pino Cacucci.


indietroindice